Archivi categoria: Uncategorized

Curiosità ed altro dal web

Volevo segnalarvi tre siti interessanti trovati navigando qua e là senza meta nel mare magnum del web. Cominciamo da Musicovery, un sito dove ognuno può creare la sua radio per ascoltare la sua musica preferita. Fin qui nulla che non si sia già visto. La novità sta tutta nella grafica che si costruisce attorno ai propri gusti musicali. Si parte scegliendo un “mood” tra quattro disponibili: Energetic, Dark, Positive e Calm. Poi si scelgono i generi preferiti e questo  quello che appare:

sito-radioPassando il mouse sulle varie nuvolette appare una sorta di scheda del brano che si può aggiungere ai preferiti o eliminare dalla scelta. In questo modo si costruisce un percorso musicale personalizzato e graficamente incredibile.

Altro sito che vorrei segnalarvi è un sito francese di video stile YouTube, ma a mio avviso molto “cool” e molto ben costruito: Wat.tv. Come su YouTube è possibile fare l’upload di filmati autoprodotti.wat

Per chi vuole mettere alla prova la propria creatività Zooppa è il sito che fa per lui, ed inoltre qui si possono anche guadagnare dei soldi. Il meccanismo è molto semplice: vengono proposte delle “gare” per produrre uno spot pubblicitario che, se accettato, verrà remunerato. Al momento si può partecipare per creare uno spot per “I love italian shoes”, il premio è di 4.000$zooppa

Annunci

Photoshop? Sì grazie!

Grazie alla segnalazione di un collega, Guido, vi passo il link di un “sito” che sicuramente sarà molto utile a tutti quelli che, appassionati di fotografia, hanno l’esigenza di ritoccare le foto che fanno. Ma può servire in caso di emergenza anche a grafici e professionisti. Il sito si chiama Pixlr, e sostanzialmente si tratta di un “Photoshop” particolarmente completo, online e assolutamente gratuito. Vi invito a testarlo. Altra segnalazione simpatica a proposito di ritocco fotografico, riguarda il sito Yearbookyourself dove potrete trasformarvi in baldi giovanotti o graziose signorine degli anni ’50 o degli anni ’70, insomma vi potete trasformare come volete a partire dagli anni ’50 sino ad oggi. E per finire con un tocco nero, se avete voglia di sapere quale sarà il vostro ultimo giorno sulla terra andate qui

Vita allo stand

La vita segreta di Max e Riccardo

one2

IAB live blogging

Oggi giornata intensa. Nella sala grande, gremitissima, si rincorrono interventi di grande interesse. Dopo l’intervento riassuntivo di Layla Pavone, Alain Heureux, presidente di IAB Europa, ha tracciato la situazione del mercato europeo, che vede una grande crescita dell’Italia e la conferma della leadership inglese. Poi le case histories delle aziende come Barilla, Coca-Cola, Enel. Nel pomeriggio da seguire Yahoo e Microsoft

Dammi tre parole

Qui allo IAB durante la giornata di ieri si sono rincorse, da un intervento all’altro. Per le parole tecniche – crossmedia, metriche, analytics – ci sentiamo in qualche prossimo post. Quelle che voglio appuntare qui su Mordennau sono parole non tecniche ma che sono risuonate spesso.

Cambiamento. E’ la parola chiave dell’intervento di Layla Pavone, ma torna in tutte le relazioni, nelle sue diverse accezioni, compresa quella di confusione, caos. A tratti sembra affacciarsi l’eco delle parole del Grande Timoniere: “Grande è la confusione sotto il cielo: la situazione è eccellente”
Obama. Nessuno manca l’appuntamento con la citazione del neo presidente degli USA, quasi tutti marcandolo come un successo di Internet – con la lodevole eccezione di Binaghi che ricorda l’entità mostruosa degli investimenti televisivi della campagna democratica.
Persona. La dicitura ‘utente’ sembra, deo gratias, sparire, a favore della bella parola persona. Prima persone era anche una delle espressioni più care al movimento altermondialista.

E comunque il primo verbo risuonato nella plenaria è stato il verbo amare ( I Love Internet).

IAB live blogging

E’ iniziata la grande kermesse di Internet. Mai come quest’anno, nonostante la crisi finanziaria, si respira ottimismo per il futuro del web e di tutto quello che gli ruota attorno. L’affluenza è notevole e sono molti gli operatori presenti con uno stand. L’azienda per la quale lavoro è ovviamente presente ed è anche main sponsor della manifestazione. Lo stand ricalca la sala di un aereoporto e i miei colleghi fanno la loro figura con le divise da hostess e da piloti. Anche in altri stand si è scatenata la fantasia, ma credo di poter dire che il nostro è veramente super.Nel corso di questi due giorni cercheremo di tenervi aggiornati su questo IAB 2008.

one1