Dammi tre parole

Qui allo IAB durante la giornata di ieri si sono rincorse, da un intervento all’altro. Per le parole tecniche – crossmedia, metriche, analytics – ci sentiamo in qualche prossimo post. Quelle che voglio appuntare qui su Mordennau sono parole non tecniche ma che sono risuonate spesso.

Cambiamento. E’ la parola chiave dell’intervento di Layla Pavone, ma torna in tutte le relazioni, nelle sue diverse accezioni, compresa quella di confusione, caos. A tratti sembra affacciarsi l’eco delle parole del Grande Timoniere: “Grande è la confusione sotto il cielo: la situazione è eccellente”
Obama. Nessuno manca l’appuntamento con la citazione del neo presidente degli USA, quasi tutti marcandolo come un successo di Internet – con la lodevole eccezione di Binaghi che ricorda l’entità mostruosa degli investimenti televisivi della campagna democratica.
Persona. La dicitura ‘utente’ sembra, deo gratias, sparire, a favore della bella parola persona. Prima persone era anche una delle espressioni più care al movimento altermondialista.

E comunque il primo verbo risuonato nella plenaria è stato il verbo amare ( I Love Internet).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...