I googled you!

Il post del venerdì, in cui si raccoglie qualche link sul senso della privacy nel tempo della rete.

Ma prima…

è la Vigilia di Ognissanti! In attesa della sospirata discesa del Grande Cocomero, ci attrezziamo contro potenziali effetti indesiderati di Halloween con questa simpatica immagine di samsmith

L’album di famiglia

Proviamo a immaginare o ricordare i nostri album di fotografie prima della rete: grossi volumi rilegati o fascicoli di bustine trasparenti che mostravamo ad amici e parenti di persona.
Ai più lontani si spediva la fotografia in busta chiusa, anche quando la si impaginava in un cartoncino di auguri o celebrativo.
Torniamo ad oggi: i nostri album sono pubblicati in pagine web, a volte protette da una password, ma più spesso condizionate ad una relazione (amico o amico di amico) stabilita all’interno di un servizio come Flickr o Facebook.

Le impostazioni di visibilità in questi servizi sono sempre modificabili, in modi più o meno semplici, ma non sempre ci preoccupiamo di verificare quale sia l’impostazione di default e di modificarla se non ci soddisfa.
Il risultato è che i nostri album di fotografie – e con loro molti dati “privati” – sono molto più pubblici di quanto fossero solo pochi anni fa, quando l’idea di mostrare le immagini della nostra casa o della nostra famiglia a qualcuno che potremmo non conoscere non ci avrebbe neppure sfiorato.

Social network come spazio pubblico

L’uso della rete, le pratiche di condivisione, l’allargamento dell’infosfera e e della rete delle relazioni hanno indubbiamente influito su una modifica sostanziale dei nostri concetti di pubblico e privato.

Come dice danah boyd in questo articolo:

What it means to be public or private is quickly changing before our eyes and we lack the language, social norms, and structures to handle it.

I social network, si dice nell’articolo, sono un’altra forma di spazio pubblico, ma a differenza degli spazi che già conosciamo, hanno alcune caratteristiche uniche, che cerco di sintetizzare:
1. Persistenza: le informazioni immesse in un social network restano disponibili per un tempo virtualmente infinito;
2. Ricercabilità: le stesse informazioni sono indicizzate e reperibili;
3. Replicabilità. ciò che è digitale è anche copiabile – e incollabile altrove;
4. Invisibilità degli spettatori: quando parliamo in pubblico, vediamo i presenti e adattiamo parole e atteggiamenti di conseguenza. In rete, non solo non vediamo chi ci ascolta, ma persistenza, ricercabilità e replicabilità possono portare i nostri dati a disposizione di un pubblico completamente assente nel momento in cui ci siamo espressi.

Narrazioni e leggende di conseguenze catastrofiche derivanti da queste caratteristiche sono diffuse in rete. Probabilmente,  interiorizzeremo questi tratti salienti e impareremo a tenerne conto, come già facciamo con altri ambienti di comunicazione. Ma il nostro senso del pubblico e del privato è, in qualche modo’ già mutato.

Ed ecco i link

Qualche link per approfondire il tema:

Sempre di danah boyd (che si firma sempre in minuscolo):
ephemeral profiles (cuz losing passwords is common amongst teens)
Putting Privacy Settings in the Context of Use (in Facebook and elsewhere)

Un interessante studio sulle abitudini di protezione delle immagini personali e familiari in Flickr viene segnalato in questo post di TechCrunch:

Michael Arrington – User Privacy Settings By Geography: A Flickr Study

Infine, su un fronte differente, ma sempre in qualche modo collegato alla riservatezza di alcune informazioni, è doveroso segnalare che da pochissimi giorni è disponibile Google StreetView anche per alcune città italiane. Naturalmente, sono andato subito a cercare la vista su casa mia. La finestra della cucina risulta aperta.

Annunci

Una risposta a “I googled you!

  1. Pingback: La repubblica di Facebook « Mordennau

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...